VALSESSERA E RIVE ROSSE

Paletta, toma e canestrelli

Il Giro d’Italia insegna che non c’è angolo del Bel Paese senza tradizioni, storia, bellezze naturali. E senza piatti, prodotti e specialità che coccolino il palato. Il Biellese non fa eccezione: le colline della Valsessera, così come quelle delle altre valli biellesi, offrono i pascoli habitat naturale della Pezzata Rossa. La razza bovina autoctona produce il latte che serve per i formaggi tipici della zona, la Toma e il Maccagno Dop. Il formaggio è il terzo ingrediente di base, insieme alla farina di mais e al burro, della polenta concia, tanto semplice quanto gustosa. Arriva dalle valli la paletta, la spalla di maiale condita che ha le sue origini proprio in Valsessera, a Coggiola. Se la vostra passione sono i dolci, scegliete tra i torcetti, biscotti al burro ricoperti di zucchero, le paste di meliga o i canestrelli, cialde friabili ripiene di crema al cioccolato, che hanno anche una variante a Crevacuore, che risale al ’500. In città l’epicentro del gusto è in via Ramella Germanin, là dove inizia la salita di Oropa. Su un lato della strada c’è il caseificio Botalla, sull’altro la birreria Menabrea, la cui “bionda” è considerata un’eccellenza a livello mondiale. Fondendo i due sapori insieme è nato lo “Sbirro”, una toma aromatizzata alla birra.

sentieri